SEI IN > VIVERE ROVIGO > CRONACA
comunicato stampa

La GdF denuncia un'attività commerciale mascherata da associazione

2' di lettura
38

guardia di finanza

Prosegue intensa l’estate di controlli da parte dei Finanzieri del Comando Provinciale di Rovigo. Nel corso di uno di questi controlli, i finanzieri del Gruppo di Rovigo hanno individuato un’associazione culturale - iscritta a un circuito nazionale – che invece di svolgere attività di promozione culturale, in realtà svolgeva attività di intrattenimento.

I finanziari non solo hanno ispezionato i locali e acquisito tutti i documenti possibili, ma hanno sentito a verbale tutti i soci dell’associazione che non sapevano neppure di esserlo. In realtà, in modalità puramente imprenditoriali, “il titolare” dell’associazione la gestiva come se fosse un'impresa; addirittura alcuni dei presunti soci venivano iscritti ogni volta che accedevano al locale, quindi anche più volte ripetutamente, pagando biglietto e iscrizione.

Complesso il metodo di ricostruzione del reddito prodotto poiché “l’associazione” era priva di documentazione di qualsiasi tipo, oltre che di libri e registri sociali.

Al termine del controllo, gli elementi raccolti hanno portato a ritenere che l’associazione non svolgeva alcuna attività senza fine di lucro ma di fatto esercitava quella di sala da ballo e intrattenimento, a fronte delle quali sono stati ricostruiti ricavi per oltre 220.000 € prodotti nell’arco di 5 anni derivanti da incassi da titoli di accesso e vendita di prodotti al bar, oltre all’IVA per circa 50.000 € non versata.

Il verbale redatto dai Finanzieri è adesso al vaglio dell’Agenzia delle Entrate per il recupero di quanto evaso.

Interventi della specie testimoniano il forte e costante impegno profuso dalla Guardia di Finanza a tutela degli imprenditori onesti e rispettosi delle regole. L’evasione fiscale, infatti, costituisce un grave ostacolo allo sviluppo economico perché distorce la concorrenza, mina il rapporto di fiducia fra Cittadini e Stato e penalizza l’equità, sottraendo spazi di intervento a favore delle fasce sociali più deboli.

Contrasto all’evasione fiscale vuol dire, pertanto, contribuire alle prospettive di ripresa e rilancio dell’economia del Paese e favorire una più equa ripartizione del prelievo impositivo tra i cittadini (pagare tutti per pagare meno).



guardia di finanza

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2023 alle 16:09 sul giornale del 25 luglio 2023 - 38 letture






qrcode