SEI IN > VIVERE ROVIGO > CRONACA
articolo

Finesettimana di controlli: individuati 9 lavoratori irregolari, sanzioni per 2 imbarcazioni per violazioni alle norme di sicurezza della navigazione

2' di lettura
22

Fine settimana denso di controlli da parte dei finanzieri del Comando Provinciale di Rovigo impegnati in una massiccia operazione di controllo economico del territorio su tutto il territorio polesano a contrasto di ogni forma di abusivismo. Interventi più massicci sono stati in particolare eseguiti su tutto il litorale, in particolare nella zona di Rosolina, con particolare attenzione all’abusivismo commerciale ed ambulante, alle strutture ricettive e di ristorazione ed alla navigazione da diporto.

Con il supporto infatti di un elicottero della Sezione Area di Venezia e la collaborazione della Sezione Operativa Navale di Porto Levante, circa 30 Finanzieri del Gruppo di Rovigo e della Tenenza di Loreo (supportati dai colleghi di Occhiobello, Adria e Lendinara) hanno intensificato per tutta la giornata di sabato e domenica la loro attività eseguendo decine di interventi in diversi settori operativi rivolgendo particolare attenzione al contrasto del commercio abusivo o irregolare, al rispetto della normativa fiscale e a quella sanitaria, oltre che al lavoro “nero” o irregolare.

Nel corso dell’attività sono stati quindi eseguiti un centinaio di controlli amministrativi ad esercizi e imbarcazioni, che hanno portato ad elevare una decina di sanzioni e a sequestri di migliaia di prodotti vari per violazioni alle norme sul commercio, e di una decina di chili di alimenti per violazioni alle norme igienico-sanitarie, con conseguente sospensione dell’attività di una pizzeria.

Sono stati inoltre individuati n.9 lavoratori irregolari, e sanzionati n. 7 datori di lavoro per l’impiego di tali lavoratori, e verbalizzate n. 2 imbarcazioni per violazioni alle norme di sicurezza della navigazione

Interventi della specie – che verranno ripetuti con frequenza per tutta la stagione estiva - testimoniano il costante sforzo esercitato dalla Guardia di Finanza per garantire un efficace controllo economico del territorio attraverso il quale è possibile tutelare il mercato e l’economia, ma anche la sicurezza del territorio e dei consumatori, assicurando che siano offerti prodotti e servizi controllati e conformi, e contrastando ogni forma di sommerso – sia in termini di evasione che di lavoro - che rappresenta una piaga per l’intero sistema economico perché sottrae risorse all’Erario, minando gli interessi stessi dei lavoratori oltre che pregiudicare gli equilibri economici e finanziari del Paese.





Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2023 alle 10:46 sul giornale del 19 luglio 2023 - 22 letture






qrcode